Italian English French German Portuguese Russian Spanish

dona ora

  • Home
  • Informazione
  • No fake news
  • Ruolo della psammoterapia nel trattamento delle malattie reumatiche

Ruolo della psammoterapia nel trattamento delle malattie reumatiche

  • Lunedì, 18 Febbraio 2019
  • Condividi su:
Ruolo della psammoterapia nel trattamento delle malattie reumatiche

Maria Giannotta, medico in formazione specialistica presso la UO di Reumatologia dell’AOUC Policlinico di Bari, smonta una bufala legata alla psammoterapia.

Le opzioni per gestire il dolore articolare sono numerose, tra queste sicuramente la terapia farmacologica la fa da padrone, tuttavia sono disponibili numerosi altri trattamenti dall’efficacia più o meno comprovata.

Tra questi vi è la psammoterapia (o termoterapia a calore secco), ovvero l’utilizzo di sabbia calda come veicolo per ridurre il dolore articolare e migliorare la mobilità. La psammoterapia fa parte della categoria dei trattamenti disponibili nell’ambito della balneoterapia, noti sin dall’epoca dell’impero Romano come possibili opzioni per alleviare il dolore muscolo-scheletrico.

Attualmente è possibile effettuare delle sedute di psammoterapia soprattutto in centri termali; l’effetto termico del calore (si possono raggiungere temperature massime di 50-60°C per sedute della durata di circa 20 minuti) si combina ai benefici insiti negli oligoelementi della sabbia (in particolare silicio, calcio, potassio, alluminio, magnesio e ferro).

Al momento non vi sono evidenze scientifiche che questo trattamento sia efficace sul dolore e sull’attività di malattia in persone con malattie reumatiche. In particolare, sono stati condotti alcuni studi sull’utilizzo della psammoterapia nei pazienti con artrite reumatoide; tuttavia in questi studi vi sono state delle forti limitazioni, tra cui l’esiguità del campione preso in esame, oppure l’utilizzo concomitante di altre terapie fisiche e non che potrebbe aver rappresentato un fattore confondente, e la mancata riduzione degli indici di flogosi quale risposta a questa terapia.

Risultati più incoraggianti si sono avuti con l’utilizzo della psammoterapia nei pazienti con osteoartrosi; i risultati di questi studi sembrerebbero dimostrare la superiorità della psammoterapia sull’assenza di qualsiasi trattamento nei pazienti con artrosi, che riferivano riduzione del dolore articolare e maggiore mobilità, con un miglioramento della qualità della vita.

Attualmente, pertanto, non è possibile affermare che la psammoterapia sia efficace per la gestione del dolore articolare infiammatorio e sono sicuramente necessari maggiori studi con parametri di valutazione più stringenti per giungere a delle conclusioni; è possibile, invece, valutare la psammoterapia come possibile terapia coadiuvante, oltre alle terapie standard, per la gestione del dolore articolare di natura meccanica.

1. Antonelli M., Donelli D. Hot sand baths (psammotherapy): A systematic review. Complement Ther Med. 2019 Feb;42:1-6.

2. N.M. Allam, G.M.R. Koura, S.M. Alrawaili, H.A. Hamada, H.A. Khater, A.A. Balbaa. The effect of Siwan therapy in management of patients with rheumatoid arthritis: A single blind randomized controlled trial. Biomed Res, 29 (7) (2018).

3. Verhagen AP, Bierma-Zeinstra SM, Boers M, Cardoso JR, Lambeck J, de Bie RA, de Vet HC.

Balneotherapy for osteoarthritis. Cochrane Database Syst Rev. 2007 Oct 17;(4).

Condividi sui Social Network

APMAR

Sede Operativa:
Via Miglietta, n. 5
73100 Lecce (LE)
c/o ASL LECCE (Ex Opis)
Tel/Fax 0832 520165
Email: info@apmar.it 
PEC: apmar@legalmail.it
C.F.: 93059010756 
P.I.: 04433470756

Privacy policy



dona ora